A contemplative view of reality

Mauro Mendula

 

Non esiste una fotografia ingenua, non concettuale. La fotografia è un'immagine di concetti. (Vilém Flusser)

About me

Sono nato nel 1973 ad Olbia. Fin da piccolo mi appassiono di musica ed arti visive, fotografia in primis. Vivo il passaggio dal mezzo analogico a quello digitale alla fine dei miei studi universitari. Laureato in filosofia, da anni approfondisco ‘sul campo’ le implicazioni teoriche e pratiche che la digitalizzazione dell”immagine ha introdotto nell’arte fotografica, con una particolare attenzione alle sue dinamiche sociologiche e culturali. Landscape Photographer e timelapser, educato dalla incontaminata e spesso ruvida bellezza della mia terra nativa, la Sardegna, prediligo panorami che ispirino un certo rapimento estatico e contemplativo, non di rado ambientazioni notturne. Amo riprendere gli stessi luoghi in tempi e luci diverse,nel continuo farsi altro dell’identico che la natura ciclicamente ci propone. Sono Autore finalista del ‘Premio per la qualità creativa in fotografia professionale’ TAU VISUAL, Fotografi Professionisti Italiani, 2009.

***

I was born in 1973, in Olbia (Sardinia, Italy). Since my childhood I have always been fascinated by music (I have studied theory and I still play) visual arts, but first of all photography. I lived the switchover to digital from analog at the end of my College. I graduated in Philosophy with a dissertation about the Aesthetic and Mystical experience. For years I have experienced, on the field, the theoretical and practical implications that the digital image has introduced in photographic art. I’m Finalist Author in the Prize for Creative Quality in Professional Photography ‘Tau Visual – Italian Professional Photographers.









MY POINT OF VIEW - IL MIO PUNTO DI FUGA PROSPETTICO

Come il pensiero media su un ‘dato originario’, partendo da esso e ad esso ritornandovi per arricchirlo, così anche il medium fotografico crea una circolarità virtuosa fra ciò che ‘si mostra’ e la sua rappresentazione. Lo sviluppo di una foto (in camera oscura o chiara, non fa differenza) è un po’ come lo sviluppo di un pensiero: entrambi hanno la capacità di ‘astrarre’ una porzione di realtà per illuminarla. Ciò richiede una certa disposizione d’animo che – in primis nel fotografo paesaggista – diventa un vero e proprio habitus. L’atteggiamento di accogliente ‘apertura’ verso il reale – infatti – accomuna spesso lo stile del landscape photographer con quello dell’uomo contemplativo: entrambi lasciano che la realtà si manifesti al loro sguardo in tutta la ricchezza e maestosità di cui essa è capace, senza interferenze, per accoglierla ed esserne testimoni rapiti, in un’esperienza unitiva. A questo si aggiunge un certo spirito d’avventura, quello che spinge il fotografo a far di tutto per trovarsi nel posto giusto al momento giusto, lasciando senza preavviso ogni altra occupazione per inseguire l’istante agognato, un cielo particolare, una bufera improvvisa, un evento astronomico; salvo esser poi colti impreparati nella via del ritorno dal miglior scatto della giornata (o nottata). Il suo ‘tesoro’, duramente conquistato, è il frutto di numerose sortite diurne e notturne – a contemplar le stelle – in compagnia d’una macchina fotografica, laddove s’impara a condivider con gli antichi osservatori del cielo la conoscenza delle costellazioni, la Via Lattea, l’orientamento con la Polare, la direzione dei venti ed il ritmo delle maree. L’alta sensibilità delle moderne fotocamere unita alle lunghe esposizioni (necessarie affinché la flebile luce s’imprima) restituiscono così panorami spesso ai limiti del surreale, nei quali la dilatazione dei tempi e dei movimenti celesti mettono in luce dinamicità inaspettate che paiono rifuggire dalla stasi del fotogramma in cui si trovano invece contratti e congelati.

***

As thought reflects an “original fact”, starting from it and returning to enrich it, so does every picture which deserves this name. The development of a photo (in dark or light-room, does not matter) is like the development of a thought: both have the ability to ‘abstract’ a portion of reality to illuminate it. This requires a certain frame of mind that – in the landscape photographer – becomes a real habitus. The welcoming attitude of ‘opening’ towards the real – in fact – makes the landscape photographer like the contemplative man: both allow the reality to manifest itself to their eyes in all its richness and majesty, without interference, for welcome it and be enraptured witnesses, in an unitive experience. This reqrires a certain spirit of adventure, what drives the photographer to do everything possible to be in the right place at the right time, without notice, leaving all other work to pursue the coveted moment, a particular sky, a sudden storm, an astronomical event, only to be caught unprepared in the way back from the best shot of the day (or night). His treasure , hard won, is precisely the result of numerous daily or nightly hikes – to contemplate stars – with a camera, where learn to share with ancestors the knowledge of constellations, the Milky Way, the orientation towards Polaris and the wind direction. The high sensitivity of modern cameras combined with long exposures, often gets surreal results in which the dilation of time and celestial movements reveal unexpected dynamism that seem to shy away from the doldrums in which -instead – are contracts and frozen.

Portfolio

Some of my works

Recent News

Some Recent News from Blog

La Pianificazione nella fotografia di paesaggio

Il mio nuovo articolo su Mondo Mirrorless affronta il tema della pianificazione nella fotografia paesaggistica, con diversi spunti e riflessioni. Buona lettura: Pagina Web

Lunghe esposizioni. Ne parlo su Mondo Mirrorless

Una mia analisi riguardo alla tecnica delle lunghe esposizioni. Eccola qui: Pagina Web

sono stato intervistato dall'Associazione Nazionale Domiad Photo Network.

Con grande piacere ed onore, sono stato intervistato dall'Associazione Nazionale Domiad Photo Network. Qui di seguito il testo dell'intervista. Un particolare ringraziamento va ovviamente al grande Domenico Addotta per il suo instancabile impegno per la fotografia a tutto campo in Italia! Pagina Web

My video

Go to watch my video on Vimeo

Watch here

Awards

what did i win

Do you like my pictures?

Get your print!

Purchase here

Press

What they say about me

Contact me

Get in Touch with me